[RM] +39 06 87451289 - [MI] +39 02 37050294
segreteria.roma@bocg-associati.it

Approfondimenti

Segnalati da BOCG

Budget 2021, è ora di gettare il cuore oltre l’ostacolo!

In BOCG Associati ricorderemo il 2020 come l’anno in cui abbiamo operato più simulazioni di scenario: una naturale conseguenza dell’emergenza sanitaria che ha impattato su ogni aspetto della quotidianità delle aziende. Per fare ciò è stato necessario adottare un approccio scientifico sottoponendo le previsioni a una verifica accurata sotto vari punti di vista.

Lo stesso sta avvenendo nella redazione del budget 2021 con una marcata attenzione sulla definizione di obiettivi ordinari e straordinari ovvero legati o meno alla pandemia. Inoltre già si stabiliscono almeno tre “pit-stop”: marzo, giugno e settembre perché la mutevolezza del target, economico o finanziario che sia, presuppone azioni più repentine che in passato.

Si parte con gli obiettivi di medio-lungo termine e, quindi, prendendo il piano industriale triennale, si cercano di correggere le traiettorie delle azioni realizzative. La stesura del budget 2021 impatta, difatti, anche sugli anni a venire sia in termini di risultati plausibili che in termini di investimenti; sia sui risultati in termini di fatturato, sia in termini di marginalità senza dimenticare gli aspetti legati alla generazione di flussi di cassa.

In termini semplificativi si arriva a redigere:

  1. budget commerciale
  2. budget di produzione
  3. budget investimenti

Questi si integreranno in:

  1. budget economico
  2. budget patrimoniale
  3. budget finanziario

Nel corso dell’anno, trimestralmente, si tireranno le somme con i risultati consuntivi e si guarderà ai mesi successivi stilando un forecast che tenga conto di eventuali aggiustamenti in corsa. Un ruolo importante, in questo caso, lo svolge il controllo di gestione. L’obiettivo è quello di misurare opportunamente la «salute» dell’azienda mediante modelli di analisi basati su variabili che, combinate tra loro, siano in grado di fornire un giudizio sintetico circa la capacità dell’azienda stessa di:
– generare risorse finanziarie in misura sufficiente a fronteggiare gli impegni assunti e a mantenere il suo sviluppo;
– avere un’adeguata composizione patrimoniale idonea a consentire lo sviluppo dell’attività operativa;
– remunerare in maniera congrua gli shareholder.

Il team di lavoro dedicato al budget e al suo controllo dovrebbe essere formato da senior manager, che danno la visione strategica, e da alcuni componenti del middle management che permettono una liaison con l’operatività.

Bisogna coinvolgere un numero di risorse adatto alla complessità aziendale: non esiste la cifra perfetta ma andranno coinvolte tutte le figure chiave in modo che siano condivisi obiettivi, misure e target. Inoltre è necessario definire una road-map per implementazione ed execution del budget rendendo chiari ruoli e responsabilità.

Leave a Reply