[RM] +39 06 87451289 - [MI] +39 02 37050294
segreteria.roma@bocg-associati.it

Approfondimenti

Segnalati da BOCG

Merito creditizio: metodi e modelli per analizzare la salute della propria impresa

Qualche mese fa ci siamo già occupati di merito creditizio e vale la pena tornare sull’argomento con alcune riflessioni condivise all’interno del nostro team. La “salute” di un’impresa può essere analizzata mediante l’implementazione di modelli di analisi basati su variabili che, combinate tra loro, sono in grado di fornire un giudizio sintetico circa la capacità dell’impresa (i) di generare risorse finanziarie in misura sufficiente a fronteggiare gli impegni assunti e a mantenere il suo sviluppo, (ii) di remunerare in maniera congrua gli shareholders e (iii) di avere un’ adeguata composizione patrimoniale idonea a consentire lo sviluppo dell’attività operativa.
In tale ottica, risulta necessaria la disponibilità di informazioni sia quantitative [intendiamo indici di bilancio, cash flow, etc] che qualitative [settore dell’impresa, presenza di pregiudizievoli, società operativa o in liquidazione, etc] attraverso cui relazionare la performance aziendale con le dinamiche del settore di appartenenza dell’ impresa; tenendo peraltro in considerazione la presenza o meno di eventi che possono avere riflessi diretti sulla vita dell’impresa stessa [ad esempio presenza di pregiudizievoli oppure delibera dello stato di liquidazione].
Le informazioni di natura quantitativa derivano dalla riclassificazione del conto economico, dello stato patrimoniale e del rendiconto finanziario costruiti ai fini civilistici secondo un’ottica di analisi in grado di meglio rappresentare le performance delle diverse aree aziendali. Tali schemi permettono, in secondo luogo, di costruire particolari indicatori alla base del modello di scoring, che consentono di apprezzare la presenza (o meno) del valore del complesso aziendale in caso di dismissione (liquidazione), la liquidità e la solidità dell’impresa, nonché la redditività di quest’ultima.

L’andamento del capitale circolante netto è alla base delle ponderazioni relative al flusso di cassa operativo; all’interno delle dashboard che costruiamo per i nostri clienti non mancano mai gli indicatori tipici.

capitale-circolante

Viceversa, le informazioni di natura qualitativa consentono di individuare dei parametri attraverso cui verificare la “bontà” della perfomance aziendale nonché l’eventuale presenza di eventi che potrebbero avere ripercussioni sulla vita dell’impresa. Tali informazioni debbono essere ricercate, in estrema sintesi, con riferimento a: settore di appartenenza, numero di dipendenti, operatività dell’impresa, competenze manageriali, società operativa o meno, presenza di pregiudizievoli.

Presentarsi agli istituti di credito avendo già affrontato l’analisi quantitativa e qualitativa della propria realtà economica significa muoversi con una marcia in più.

Leave a Reply